_InTeRnAtIoNaL DiViSiOn_ _InTeRnAtIoNaL DiViSiOn_ CaTeRoUsE | CaTeRoUsE | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

 
CaTeRoUsE 
InTeRnAtIoNaL_dIvIsIoN
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Il MiO SpAcE Su MsN
Lo SpAcE DeLlA MiA AmIcA B.
Il BLoG Di E*
CLa
FLaViEtTa
CLauDiA
StEfAnO DiSeGnI...un mito.
Lo SpAcE Di D.
SwEeT-BaRRaCuDa
SaNtORRe Di SaNtARoSa
ELeANoRsBLoG
MaDaMe ReVaNcHe
EmPaTiA LuNaRe
JuLiUs
SmALL AmBuLaNCe
ALiCe
LuCa.
MyFriendAlberto
  cerca







Cameron: Non dicevi che tutti mentono?
 House: Era una bugia!

House: E’ stato colpito da un pallottola.
Cameron: Gli hanno sparato?
House: No, gliel’hanno tirata!

Wilson: Sii te stesso - freddo, distante, menefreghista.
 House: Ti prego - non mettermi su un piedistallo.
 
House: [fa al paziente un'iniezione] Sei guarito! Alzati e cammina!
Il Paziente: Lei è forse pazzo?
 House: Nella Bibbia dite solo "Grazie Signore" e poi iniziate subito a cantare le sue lodi.

Chase: Qualunque cosa farò per te sarò sempre una nullità.
 House: Nullità è un eufemismo.




Nella condizione umana c'è una sola verità, che tutti gli uomini mentono.

Siamo tutti umani..questa me la scrivo.






"Di chi hai paura,imbecille? Della gente che sta a guardare?
Dei posteri,per strano caso? Basterebbe una cosa da niente:
riuscire ad essere te stesso, con tutte le stupidità attinenti,
ma autentico, indiscutibile.
La sincerità assoluta sarebbe di per se stessa un documento tale!
 Chi potrebbe muovere obiezioni?
 Questo è l'uomo,uno dei tanti se volete, ma uno.
 Per l'eternità gli altri sarebbero costretti a tenerne conto,stupefatti."

 Dino Buzzati,"In quel preciso momento".



CeRTe CoSe Si FaNnO Ma NoN Si DiCoNo.


"Dirò di Fausto Coppi che non era mai nato
nel nostro Paese e forse neppure nel mondo;
e quando ha capito che sopravvivere a se stesso
non era impossibile ma certo sconveniente,
per uno come lui,con infinita tristezza ha deciso
di abdicare e di lasciarci.Il destino beffardo
gli ha consentito di evitare il suicidio offrendogli
una scappatoia impensata.E i medici,che del destino
sono umili strumenti,si sono diligentemente prestati
all'esecuzione.
Del resto,gli eroi autentici vanno per tempo rapiti
in cielo.
Non possono vivere fra noi,al nostro mediocre livello.
Così il leggendario Fausto Coppi da Castellania.
Requiescas in pace,povero vecchio amico.
La sola certezza che tu riposi può consolare in parte
noi che restiamo."
Gianni Brera, "Coppi e il diavolo"




"Per dio,Rhin,un tempo pensavo bene e scrivevo meglio.
Meritavo che di me si pensasse ciò che effettivamente
si pensava.Ora,beh ora...
Penso che a guerra finita convolerò a miserabili nozze con
qualche sartina o pettinatrice equivoca.Così,di mia
iniziativa e volontà,distrurrò rapidamente il mito di
Beppe Fenoglio cavalleresco e superiore,tormentato e
tormentante.Ma sono nero.
I'm black,Rhin.Surely,as black as a clergyman's hat."

Beppe Fenoglio,lettera ad un amico.


Corto Maltese,uno tra i primi,violenti ed assoluti
amori della mia vita.
Un marinaio,non è divertente?


"Mi hai inventata.
Una così sulla terra non c'è..
Ci incontrammo in un anno inconcepibile,
quando languiva l'energia del mondo,
tutto era lutto,
tutto piegava sotto la sventura,
ed erano fresche soltanto le tombe."

Anna Achmàtova




Non amo che le cose che potevano essere
e non sono state...

Guido Gozzano.





 

Diario |
 
Diario
70780visite.

4 aprile 2010

Abiura.

Uno dei miei grandi amori letterari è Duca Lamberti,protagonista di quattro libri scritti dall'inventore del noir italiano,Giorgio Scerbanenco che,secondo me,è uno degli scrittori più bravi che siano mai esistiti,ma mai abbastanza valorizzato.

Duca è un ex medico,radiato dall'albo per aver praticato l'eutanasia ad una paziente anziana e malata terminale di cancro che gli aveva chiesto di aiutarla a morire.Argomento pesante,considerato il fatto che questo libro è stato scritto nel 1966.Mi sono sempre chiesta se oggi un libro del genere potrebbe essere pubblicato,visto che il Paese regredisce.Insomma,Duca esce dal carcere dopo tre anni,è distrutto,il padre è morto di crepacuore mentre lui era in carcere,la sorella è stata sedotta e abbandonata e cresce da sola una bambina,è senza lavoro.A salvarlo c'è un amico e collega del padre,un funzionario di polizia,che gli chiede di badare ad un ragazzo alcolizzato.Questo è il primo caso di Duca,che poi si evolverà.Negli altri libri Duca collaborerà con la polizia,fino a diventarlo veramente,un poliziotto.

Nel libro "Traditori di tutti",Carrua,il funzionario,gli dice che forse c'è una possibilità di farlo riammettere nell'ordine dei medici,se scrive una lettera .

"Che lettera dovrei scrivere?" "E' inutile che fai quella faccia di cane rabbioso" allora urlò Carrua e continuò ad urlare,"ti devo spiegare una cosa e te la spiego anche se tu fossi idrofobo." "Sono idrofobo." "E io te la spiego lo stesso.La lettera è che tu devi dire pressappoco così:ho fatto tre anni di carcere per avere,nella mia qualità di medico,ucciso una paziente con un'iniezione di Ircodina,a scopo di eutanasia.Riconosco ora che,anche se spinto da un motivo ideologico e umanitario,ho commesso un errore.L'eutanasia è una pratica assolutamente inammissibile,la morte di ogni individuo deve avvenire solo per cause indipendenti dalla volontà dell'uomo e oltre al dovere di aiutare ogni individuo con tutti i mezzi possibili,l'individuo ha il diritto di sperare fino all'ultimo istante della sua vita.E riconoscendo questo mio errore do la mia parola che non lo ripeterò mai piùe chiedo di essere riammesso all'Ordine,ecc.ecc." "Sì" disse Duca.

Ecco cosa fa Duca Lamberti.Si prende del tempo per pensare,va in una libreria,chiede la Cronologia Galileiana,la apre a pagina 1041 del volume 1 e copia a macchina "Abiura".

"Io Galileo, fig.lo del q. Vinc.o Galileo di Fiorenza, dell'età mia d'anni 70, constituto personalmente in giudizio, e inginocchiato avanti di voi Emin.mi e Rev.mi Cardinali, in tutta la Republica Cristiana contro l'eretica pravità generali Inquisitori; avendo davanti gl'occhi miei li sacrosanti Vangeli, quali tocco con le proprie mani, giuro che sempre ho creduto, credo adesso, e con l'aiuto di Dio crederò per l'avvenire, tutto quello che tiene, predica e insegna la S.a Cattolica e Apostolica Chiesa. Ma perché da questo S. Off.io, per aver io, dopo d'essermi stato con precetto dall'istesso giuridicamente intimato che omninamente dovessi lasciar la falsa opinione che il sole sia centro del mondo e che non si muova e che la terra non sia il centro del mondo e che si muova, e che non potessi tenere, difendere né insegnare in qualsivoglia modo, né in voce né in scritto, la detta falsa dottrina, e dopo d'essermi notificato che detta dottrina è contraria alla Sacra Scrittura, scritto e dato alle stampe un libro nel quale tratto l'istessa dottrina già dannata e apporto ragioni con molta efficacia a favor di essa, senza apportar alcuna soluzione, sono stato giudicato veementemente sospetto d'eresia, cioè d'aver tenuto e creduto che il sole sia centro del mondo e imobile e che la terra non sia centro e che si muova;

Pertanto volendo io levar dalla mente delle Eminenze V.re e d'ogni fedel Cristiano questa veemente sospizione, giustamente di me conceputa, con cuor sincero e fede non finta abiuro, maledico e detesto li sudetti errori e eresie, e generalmente ogni e qualunque altro errore, e eresia e setta contraria alla S.ta Chiesa; e giuro che per l'avvenire non dirò mai più né asserirò, in voce o in scritto, cose tali per le quali si possa aver di me simile sospizione; ma se conoscerò alcun eretico o che sia sospetto d'eresia lo denonzierò a questo S. Offizio, o vero all'Inquisitore o Ordinario del luogo, dove mi trovarò.

Giuro anco e prometto d'adempire e osservare intieramente tutte le penitenze che mi sono state o mi saranno da questo S. Off.o imposte; e contravenendo ad alcuna delle dette mie promesse e giuramenti, il che Dio non voglia, mi sottometto a tutte le pene e castighi che sono da' sacri canoni e altre constituzioni generali e particolari contro simili delinquenti imposte e promulgate. Così Dio m'aiuti e questi suoi santi Vangeli, che tocco con le proprie mani,

Io Galileo Galilei sodetto ho abiurato, giurato, promesso e mi sono obligato come sopra; e in fede del vero, di mia propria mano ho sottoscritta la presente cedola di mia abiurazione e recitatala di parola in parola, in Roma, nel convento della Minerva, questo dì 22 giugno 1633.

Io, Galileo Galilei ho abiurato come di sopra, mano propria."

Poi prende una busta,la indirizza al dottor Carrua,Questura di Milano,va in piazza Cavour e la invia.

Ecco chi è Duca Lamberti,il mio eroe.


 




permalink | inviato da CaTeRoUsE il 4/4/2010 alle 23:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

1 aprile 2010

What is like to be angry.

Io sono una che s'incazza.

Che non è una cosa bella,di per sè.

Prima mi incazzavo molto di più,e succedeva di tutto.Passavano i barbari.terra bruciata.Ma una volta ero davvero una stronza e adesso non più.Certe volte mi preferivo prima,ma quando cresci è il caso che ti dai una calmata.Mica puoi fare casino per qualsiasi cosa.Certe volte però la rabbia torna e te la senti ribollire nelle vene,salire dalle viscere ed arrivarti dritta al cervello,ed offuscarti la vista,ed i pensieri.Cerchi di ricacciarla giù,e la senti risalire.Ti sforzi di contenerla,e lei risale.E su e giù.Continuamente.E' in quel momento che compaiono le lacrime.E provi a ricacciare giù anche quelle.Le lacrime di rabbia sono le peggiori,perchè vogliono uscire più delle altre,e soprattutto ti fanno venire voglia di piangere per 6 ore.

Io sono una che s'incazza,ma non mi piace essere arrabbiata.Affatto.E' una cosa che non sopporto.

 




permalink | inviato da CaTeRoUsE il 1/4/2010 alle 16:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

30 marzo 2010

Bella,bella giornata.

Lombardo indagato per concorso esterno in associazione mafiosa,e gli assessori del PD che fanno quadrato intorno a lui (per non parlare di Caterina Chinnici,che è INQUALIFICABILE),

Il PD massacrato da un partito che è stato definito al tramonto (tramonto un cazzo),dopo tutte le porcherie che ha fatto,

la Prof di politica comparata che mi mette in un gruppo assurdo

e l'unica reazione che riesco ad avere è la NAUSEA.




permalink | inviato da CaTeRoUsE il 30/3/2010 alle 12:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

23 marzo 2010

ZAC!

Io avevo 15 anni,e Francy 13.

Mi sa che era sabato,e forse eravamo uscite prima da scuola.Insomma,insieme avevamo deciso di provare questa grande trasgressione:il pearcing sulla cartilagine,in alto,che faceva molto alternative,all'epoca.

Speravo di suscitare qualche reazione di disappunto nei miei genitori,e invece niente,al solito."E' solo un orecchino" aveva detto ridendo mia madre,ed io forse me l'ero un po' presa,perchè quel semplice buco (che poi mi provocò non poco dolore) era la mia ribellione personale,io che invece vivevo una vita normale,ma che volevo assomigliare alle ragazze del collettivo.Ecco,magari se avessero reagito in un altro modo la settimana dopo sarei tornata con il pearcing al sopracciglio,che mi piaceva tanto.Invece no,e la cosa finì lì.Nessun altro pearcing,niente tatuaggio.

Solo che quel pearcing è rimasto lì per anni,immobile,ha resistito alle incursioni del parrucchiere,fedelissimo alla sottoscritta,e mi piaceva sempre,perchè col passare degli anni non volevo più assomigliare alle ragazze del collettivo,ma solo a quello che piaceva a me,e quell'orecchino messo lì,quel boccolo un po' pendente mi ricordava Corto Maltese,e dava un'aria un po' ribelle alla ragazza ordinaria che ero (e che sono).

Poi,a Santarcangelo,nel 2008,anno della mia rovente passione  e del mio tormento per Mascalzone Emiliano,il mio orecchino sparì.Una mattina,mentre mi lavavo i denti guardandomi allo specchio mi accorsi che non c'era più.Ne ritrovai i resti sul mio cuscino.Dopo anni di onorata carriera mi abbandonava.E nel momento peggiore.Non ci feci tanto caso,mi dimenticai di averlo avuto e non ci pensai più.

Fino a che,oggi pomeriggio,scaminando tra le mie cose,ne ho trovato uno uguale,probabilmente lo avevo comprato come riserva.Non ci ho pensato tanto.L'ho disinfettato,mi sono messa davanti allo specchio presagendo dolori atroci e zac!,l'ho rimesso al suo posto,lì dove deve stare.Sorpresa:non mi ha fatto per niente male.La cartilagine non si rimargina del tutto,ed eccolo di nuovo.

Morale della favola?Non lo so,ma ci sto pensando.E credo di avere intuito.




permalink | inviato da CaTeRoUsE il 23/3/2010 alle 1:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

20 marzo 2010

E tu?

Avete presente quegli amici con cui avete litigato e non parlate più?Passato un po' di tempo i motivi della controversia neanche ve li ricordate più,ma la freddezza rimane e continuate  a non parlarvi.A te però vengono in mente i bei ricordi e ti viene da sorridere,anche se non hai nessuna intenzione di tornare indietro perchè nel frattempo tu e quella persona avete preso strade diverse e non avete più niente da condividere.Ecco.Per me questo blog è quel vecchio amico.

Non so come ci siamo arrivati a questo punto.Meglio,non so come IO ci sono arrivata.

Questo blog mi ha dato tanto,c'è tanto di Cate,di Gato,di Caterouse e persino di Caterina.Solo che forse sono io a non sentirmi più nessuna delle cose che ero,e  rileggendo qualcosa mi sono resa conto di essere un filo superficiale ( o almeno,questo è quello che traspare).Magari passionale e genuina,questo sì,ma un filo troppo tardo-adolescenziale,ed io non sono più così.Quantomeno,non del tutto.

Stanno succedendo troppe cose in questo Paese per far finta di niente,non è più il caso.Non mi va quasi mai di scriverlo,ma al momento è questo che mi preoccupa.Forse perchè non ci sono grandi novità nella mia vita.

Ecco,digitare il sito,aspettare,e poi vedermi questa pagina davanti mi ha fatto un certo effetto:è stato come entrare nella stanza della sorella minore che non ho o entrare nella mia stanza dopo averla tenuta chiusa per un sacco di tempo.

Che faccio,resto?




permalink | inviato da CaTeRoUsE il 20/3/2010 alle 0:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

28 dicembre 2009

Un homme,une femme.

E' passato quasi un mese ed in fondo tanto c'è voluto per riprendermi da un'esplosione di emozioni che mi hanno rimessa decisamente a nuovo.

PARIGI,2 ANNI FA.

Ho rivisto posti,ho camminato senza meta per posti già visti con Alice e Beba ed i Supertappi.

Ci eravamo lasciati nell'agosto 2007,estate dei mei vent'anni,in quel Bvd berthier così impossibile da ritrovare,ma che tante sensazioni strane ha suscitato negli ultimi due anni ogni volta che ci ripensavo.

Ci eravamo lasciati così.Io sulla navetta che avrebbe riportato me,Beba e Ali a Charles De Gaulle,verso casa,il caldo,lontana da Paris che per la prima volta avevo vissuto in maniera diversa,niente più musei,una città quasi ai nostri piedi(a vent'anni è tutto più facile).Lui,dritto davanti a quella navetta,lui ed i suoi cappelli  biondi,la sua camicia bianca sotto il maglione blu,un parigino a tutti gli effetti,gli occhi fissi nei miei,e quante cose avevamo ancora da dirci.

Avevamo passato la mattinata nel suo quartiere,nel bar da lui frequentato,e come mi era scoppiato il cuore quando si era alzato per andare in una boulangerie vicina per comprare dei croissant dato che al bar li avevano finiti.

Casa sua mi era piaciuta così tanto,a noi italiani piacciono tanto quelle case un po' parisiennes,scala di legno,il camino ed una finestra sull'albero del cortile interno che te la immagini d'inverno e pensi a come sarebbe bello stringersi e basta,tutti gli inverni così.

E poi un'altra volta noi due.

PARIGI,DUE ANNI DOPO.

Ci siamo ritrovati all'Hotel de Ville,in un inverno così mite da non sembrare neanche Parigi,lui ha tagliato i capelli ed i miei invece sono cresciuti,e sono lunghi e sciolti,andiamo a pranzo in una di quelle boulangerie parigine con i tavolini così stretti da stare ginocchia contro ginocchia,ed è così strano,parlare di politica,e poi di noi.

Battute cretine a parte,lo guardo,e penso che per due anni ci siamo scritti email velenose per niente,se poi trovarsi vis-a-vis è così bello,e sto bene,per niente a disagio.

Il giorno dopo ci ritroviamo per l'aperitivo,con infinita tenerezza ci becchiamo,beviamo e ridiamo,facciamo foto e ne fosse venuta bene una,una almeno che riuscisse ad esprimere quello che sentiamo e che siamo.

Scherziamo su di noi,e pensiamo che per lasciarci potremmo sentire "Une belle histoire" di Michel Fugain e piangere come due vecchiacci (lui non ci immagina,ma io si,rivederci come Anouk Aimée e Jean-Louis Trintignant in "Un homme,une femme vingt ans dejà").Poi la ascoltiamo davvero quella canzone,ma non piangiamo,anzi,ridiamo e ci baciamo ridendo e ci giuriamo eterno amore come al solito con la promessa di rivederci e poi chissà.

In metropolitana,mentre miallontano da lui,ascolto invece "Un homme,une femme" di Mireille Mathieu e leggo quello che lui mi ha scritto nel mio immancabile quaderno ed allora si che mi commuovo,e gli mando un sms  e lui mi risponde soltanto "Addio amore mio".

Allora si,forse siamo in un film di Lelouch,o forse siamo solo Caterina e David,come al solito,che si detestano via mail e si amano quei due giorni che si vedono e va bene così.

Ed io sono solo Jean-louis Duroc in "un uomo e una donna",che sia allontana nel suo cappotto incurante delle sferzate di vento freddo.

 

Questo intervento è per te,amore mio,te l'avevo promesso ed eccolo qui in ritardo,come sempre.

 

 

 




permalink | inviato da CaTeRoUsE il 28/12/2009 alle 2:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

10 ottobre 2009

WaR.

Come al solito,hai rigirato la frittata.
Io sono la Lucrezia Borgia del 2009,io ti ho quasi obbligato a dirmi le cose,io ti ho messo nei guai perchè sono una traditrice.

No,bello mio.
Io ho semplicemente messo davanti ad un segretuccio da 5elementare  la questione MORALE.
Non ho accettato di far passare per zoccola un'amica.
E ora mi chiami per insultarmi e non per chiarire,come dici.
Io non ho niente da nascondere e niente da vergognarmi,forse qualcosa di cui scusarmi.

ORMAI E' GUERRA,BELLO MIO.




permalink | inviato da CaTeRoUsE il 10/10/2009 alle 17:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

7 ottobre 2009

BrAaAaAaVo.

"Io sono fatta così."
Dico,quante volte l'avete detta voi 'sta frase?
Io duecento,ma non mi sono mai soffermata troppo.
Ecco,oggi me lo sono chiesto.Ma io come sono fatta?
Come sono?
E la risposta oggi è stata:scema.Fessa.
Non è  che la mia fiducia la vado dispensando.Tutt'altro.
E se la mandi a fanculo io ci posso riflettere,far passare un po' di tempo e poi magari ti perdono,e ci possiamo riprovare.
Ma se tu cerchi di mettermi un'amica contro raccontando cazzate allora è guerra.
Perchè io ho sempre messo la sincerità davanti a tutto,ma tu pensavi di essere più furbo.
Sono stata una fessacchiotta,ma adesso basta.
Credimi,sul serio.
Non lo sai chi hai davanti.




permalink | inviato da CaTeRoUsE il 7/10/2009 alle 0:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

4 ottobre 2009

R U Still With Us?

Sarà la cervicale o magari il mio divano che non è proprio comodissimo per Dormire come si deve.
Sarà che alzarsi alle 3 dal divano,mettere a posto e poi andare a letto e dormire rannicchiati perchè Lolita ha deciso di dormire proprio AL CENTRO del mio ridicolo letto da prete costringendomi a posizioni non proprio comode..
fattosta che stanotte ho fatto per l'ennesima volta QUEL SOGNO.
In realtà è un sogno a puntate,ogni tanto mi capitano periodi come questo,ma poi i sogni spariscono prima che io mi prenda la briga di raccontarli,o magari fermarli su carta.
Bene.Ora vi sorbirete tuuuutto il racconto.Contenti?
A maggio per la prima volta ho sognato che il mio amico Marco (di cui ho già parlato in passato,chi è novello vada a cercarsi il post "più marco per tutte") si sposava,e che per l'occasione noi supertappi e qualche altro amico suo eravamo riuniti in un villaggio turistico chiuso per fare qualcosa tipo un addio al celibato lungo due settimane.
Qualche settimana dopo mi capitò di sognare il video di "Pop Porno" con noi come protagoniste e,che ve lo dico a fare,Marco vestito come la tipa che ci importunava mentre giocavamo a biliardo.
Ho capito che faceva parte dell stesso sogno perchè c'erano sempre quelli che dovevano essere i suoi amici,che sono comunque persone che io non ho MAI visto.
Stanotte ho sognato un'altra cosa.
IO vestita da Joan Jett che cantavo "I love rock'n roll".E Marco che dava i voti.
Il posto era sempre lo stesso ed ho cominciato a chiedermi un paio di cose.
1. Stava provinandoci tutti per scegliere i testimoni?
2. Quand'è che ho cominciato a vivere in un musical?
3. Non è il caso che io la smetta di mangiare indiano prima di andare a dormire onde evitare che la prossima competizione canora includa i 5ive?

Mmmmmmmmh.Si,decisamente inutile come post.




permalink | inviato da CaTeRoUsE il 4/10/2009 alle 12:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

28 settembre 2009

La PoRtA DeL VeNtO.

E allora.
Ieri sera sono finalmente uscita di casa (sto studiando come mai nella mia vita,non mi riconosco più) per andare a vedere il nuovo film di Tornatore, "Baària-la porta del vento".
Premetto che non mi piace molto Tornatore,per quanto abbia apprezzato tanto "Nuovo cinema paradiso" o altri film.L'ho sempre trovato troppo sdolcinato nei confronti del suo passato (io,la grande critica cinematografica).
Poi questo film,diciamocelo,non era partito col piede giusto.
2 anni (e cocci) di lavorazione,Bagheria ricostruita in un sobborgo di Tunisi (in parte,alcune scene sono state veramente girate a Bagheria),un cast da fare impressione.E poi questo è (pare) il film che è costato di più nella storia del cinema italiano.
A Venezia è stato snobbato dalla critica (e te pareva).
Insomma,se non fosse che nel cast c'è uno dei miei 1000 "fidanzati",il comico Salvo Ficarra,sarei andata a vedere questo film pronta a distruggerlo.
Invece mi sono seduta senza nessuna pretesa,senza nessuna aspettativa,pronta a 2h:30circa  di film in palermitano.

Ragazzi,sarà che sto invecchiando e che il Misantropo in questo periodo dorme,ma a me questo film non solo è piaciuto TANTISSIMO,ma trovo che sia uno dei pochi FILM italiani degli ultimi anni che si possano definire tali.
Tanto per cominciare,perchè è ben recitato e ben diretto.
Poi,dopo la cantonata che avevo preso con "Il grande sogno" di Placido (com'è che non si è vergognato a portarlo a Venezia io non lo so..),finalmente ho ripreso fiducia.
Diciamoci la verità:i film italiani dell'ultimo periodo fanno cagare.
Non c'è un'idea nuova (a parte qualche guizzo qua e là),non si fa altro che descrivere il passato o storie ansiogene piene di banalità.
Non basta descrivere il disagio,lo capite?Non basta saper trasmettere ansia,quello è facile e basta accendere la tv e guardare un qualsiasi telegiornale e il gioco è fatto.
Il trucco è anche saper trasmettere un senso di pace e di completezza che è raro provare.
Va bene,viviamo in un periodo di merda e ci può stare,ma bisogna saper guardare avanti,bisogna anche andare al cinema e per due ore e mezzo essere talmente coinvolti nella storia da dimenticarsi qualsiasi cosa.
Questo è quello che non capiscono i signori critici di sto cazzo di Venezia.
"Baària" è finalmente un film diverso,che non parla di guerra o disoccupazione o disagio o povertà,ma parla di tutte queste cose insieme e lo fa in modo delicato.
Certo,ci sono dei nei anche qui.
Tanto per cominciare,ci sono alcune apparizioni di star che mi sembrano forzate (e se lo vedrete capirete a cosa mi riferisco).
La Bellucci appare 30 secondi,si vede di sfuggita (lei ed il suo capezzolo,ovviamente),ed ha un truccatore (cioè,hanno pagato un tizio per metterle un po'di trucco per quei 40 secondi.Babbiamo??).
In una delle scene che si vedono anche nel trailer viene ammazzato un toro.Ed è vera,non finta.Questo mi ha fatto abbastanza incazzare.
C'è sicuramente qualche altra cosa,ma non mi viene in mente.

Andatelo a vedere,se lo merita.

Ah.Naturalmente il mio "fidanzato" è fenomenale.Come sempre.




permalink | inviato da CaTeRoUsE il 28/9/2009 alle 13:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
marzo